• THE WHITE SCREAMED SHOUT - "The Birth EP"
    Kathodik (ITA) Feb 9th, 2013
    The Birth Ep dei The White Screamed Shout, uscito ufficialmente il 15 ottobre per Ginotonico Orchard, è un mix d'elettronica, punk, hardcProduction e distribuito da Theore e industrial ossessivo e impetuoso.
    Sei tracce terrificanti e frenetiche dominate da oscuri riff di chitarra, Drag Me Down ipnotizza l'ascoltatore, The Torture è davvero ansiogena, inquieta e malinconica, Where's The Monster… un viaggio nell'inquietudine underground e negli incubi alienati di Jack Mostro e Ginotonico… davvero impressionante!
    Rachele Beni
  • THE WHITE SCREAMED SHOUT - Official Video
    Beat100 (USA),
    Jan 17th, 2013
    Wanna make TWSS video climb the chart?
    Come and click "Vote" on Beat100! HERE!!!
  • Shiverwebzine (ITA) Jan 16th, 2013
    Ci siamo imbattuti nel progetto The White Screamed Shout diversi mesi fa quando una mail ci avvisava della nascita di questo strano combo musicale composto da Jack Mostro e Ginotonico, duo electro-punk che lo scorso Ottobre ha rilasciato The Birth Ep. Da quel mini album di cinque tracce è stato estratto il primo singolo che altri non è che la titletrack, contenuta anche nella nostra ventesima compilation. Le immagini della clip ci rimandano la nascita del "mostro" in stile frankenstein, al posto di elettrodi e cicatrici ci sono cavi, moog e camice da scienziato (pazzo?). Si mormora, e la clip lo conferma, che il luogo in cui TWSS abbia emesso i suoi primi vagiti sia stato all'interno di capannone post-industriale durante due orribili giornate post-autunnali.
    Guarda il video. Antonio Capone
  • THE WHITE SCREAMED SHOUT - Official Video BlankTV (USA)
    Jan 9th, 2013
  • THE WHITE SCREAMED SHOUT
    Official Video
    The World Wide Web, January, 1st, 2013 The first music video of The White Screamed Shout its out!!!
    Click HERE to watch!
  • THE MONSTER IN THE 40S
    The World Wide Web
    November 29th, 2012
    An old pictures was found on the Web showing an autopsy in the Amphitheater of Praga University Hospital, 1947. Looking at the dead body, It is easy to recognize the White Screamed Shout's face. Did the Monster have a past life in the 40s? Was the University studying the case? What happened? Is it resurrected in 2012? There are many new, unsolved questions. The mystery keeps on growing...
  • Uberrock (UK)
    Oct 31st, 2012
    So mysterious and filled with wonderment it is at URHQ when we tear open those promo-housing jiffy bags with our crooked teeth that I come over all Arthur C. Clarke....without the scurrilous British tabloid allegations, of course.
    One of the promos sent in for review that was shrouded in the most mystery came wrapped in a gauze bandage and smeared with fake blood...I hope it was fake, anyway. Peeling back the grue I discovered 'The Birth', the debut EP from The White Screamed Shout - mystery solved then...not.
    A little more digging uncovered that the electro punk outfit is the Frankenstein's monster of Jack Mostro and Ginotonico (of CafeAudio), both having previously worked with Italian dance punk mentalist Bob Rifo in The Bloody Beetroots, an outfit famed for wearing Venom (arch enemy of Spider-man) masks and generally tearing shit up live.
    This five track extended player - six track if you include the cool faux news story intro - sounds simply massive, a brawling mass of distorted guitar and synthesized noise. From the self-titled opener proper through to closing cut, 'Where's The Monster?', this EP impresses on levels both sonic and intelligent. It's fair, it must be said, to review it as a whole rather than as separate songs as the tracks almost dissolve into one another, making this release a true chimera of skewed soundscapes.
    Vocals fall in and out of the mix, at one point a classic rock guitar solo makes a surprising appearance, as the aural anarchy lurches from wall of sound to haunted husk, so much so that fans of both twisted electronica and horror industrial will fall at its feet and succumb to its every whim.
    This monster is worthy of your time, money... and soul.
    Gaz E
  • Subjectivisten (NL) Oct 19th, 2012
    Kijk, daar houd ik nou van: een promo met de gangbare hoes, maar handmatig voorzien van verband, een pleister, iets dat lijkt op bloedspatten en een veiligheidsspeld; een persoonlijke touch voegt zoveel toe aan een release. Iets dat je nooit zult hebben met downloads. Maar op deze wijze krijg ik in ieder geval de ep The Birth Ep van The White Screamed Shout in handen. Het is het soloproject van ene Jack Mostro, die hiervoor bij de band Bob Rifo Gang aangesloten is. Nu dus solo debuterend met een ep die begint met een CNN aankondiging waarin voor deze band gewaarschuwd wordt. Daarna gaan alle remmen los en barst hij los met zijn elektro punk. Deze roept meteen allerlei associaties op, maar die gaan bijna allemaal spaak. Het is namelijk een zwaardere variant op de krautrock-gestoelde post-rock van Trans Am, lichter dan het industriële geweld van Ministry en minder rappend als de formatie hip hop metal van Drill. Eigenlijk komt hij met zijn gitaar distortion, elektronische interventies en bijtende doch pakkende zang nog het dichtst in de buurt van Nine Inch Nails en jaren 90 act Schnitt Acht, zij het dat Mostro allerlei psychedelica en koorzang toevoegt aan zijn creaties. Het geluid is duidelijk gestoeld op de muziek uit de jaren 80 en 90 maar bevat zeer zeker de modernismen van een Venetian Snares. Dat alles gaat gepaard met dat angstige gevoel van de albumhoes. Het is derhalve een zeer genietbaar en opzwepend geheel geworden dat zijn weerga in de huidige muziekscene niet kent. Krachtige klasse!
    Jan Willem Broek
  • L'Alligatore (ITA) Oct 18th, 2012
    Se la copertina vi fa impressione, avreste dovuto vedere quella che mi hanno mandato per posta. Avvolta dentro della garza insanguinata, con una spilla da balia, un cerotto... de paura. Impressionato, ho messo da parte il pacchettino, indossato una mascherina e scritto subito una mail a chi me l'aveva spedito.
    - Chiapperi, il pacco è arrivato oggi... ma, mi devo fidare? Qualcuno si è tagliato, oppure è uno scherzetto stile Halloween?
    - Fidati, fidati, il sangue è ovviamente finto :D
    Così alla fine mi sono fidato, ho aperto la pazza confezione e ascoltato The Birth Ep, uscito ufficialmente il 15 ottobre per Ginotonico Production, distribuito da The Orchard.
    Ho fatto bene, perché questo dischetto al pepe verde, adrenalinico elettro-punk autentico, era il carburante giusto per far muovere la mia coda, infreddolita e intirizzita dalle prime nebbie padane. Cinque pezzi che spaccano, con ritmo e senza inibizioni, grazie alle invenzioni situazioniste di Jack Mostro e Ginotonico, da poco insieme dopo molte esperienze musicali, a partire da quella di aver suonato in tempi diversi con il mitico Bob Rifo in giro per il mondo. Potevano saltare una data in palude? Nao... Pronti? LEGGI L'INTERVISTA QUI.
    L'Alligatore
  • Rockit (ITA) Oct 12th, 2012
    L'inizio ha un sapore epico metropolitano. La voce agitata di una cronista annuncia l'avvistamento di una creatura aliena. A New York il panico dilaga. La tensione sale e il tono convulso della pseudo giornalista viene spazzato via da una botta di energia distorta e malata, qualcosa a metà tra Prodigy e Bloody Beetroots anche se i suoni elettronici si mischiano a trame tipicamente post-hc e virate decisamente metalliche.
    "I'm here to make people understand they need to go back to real things", gli White Screamed Shout decidono di affidare il loro messaggio a una viscida creatura verde non violenta, giunta sulla terra per ricordare al genere umano come sia importante lasciare perdere per un attimo tutta la finzione e la superficie, per tornare a comprendere la vera natura delle cose.
    La colonna sonora della scena è un blocco di elettronica tanto oscura quanto catchy, l'ispirazione è autenticamente punk.
    Un prodotto confezionato professionalmente, difficilmente classificabile, cattivo. In sole cinque tracce si può trovare la potenza di Porter Robinson, il tiro beffardo dei Does It Offend You? Yeah! e in coda si scorge l'eco dell'atmosfera sonora che John Carpenter ha composto per il suo capolavoro "Halloween".
    Dopo aver frequentato con stile l'underground assieme a Bob Rifo (leggetevi la bio), Ginotonico e Jack Mostro partoriscono una creatura mutante che come un virus si inocula nel torpore della scena italiana, per succhiarne linfa vitale e dare vita a qualcosa di molto interessante.
    Filippo Cicciù
  • Terrorverlag (D) Oct 11th, 2012
    CCN-News-Sprecherin Beatrice Basso berichtet im März von der ersten Sichtung von "The Monster". Nun ist es auch auf CD gebannt und kann aus jedem Lautsprecher angreifen. Jack Mostro (Punk-Seele der BOB RIFO GANG), Bob Rifo selber und Ginotonico sind die Väter von THE WHITE SCREAMED SHOUT. So verrückt die Story, so verrückt ist auch die erste Veröffentlichung mit dem passenden Namen "The Birth". Sobald die Nachrichtenansage verstummt, knallt es einem auch schon um die Ohren. Die folgenden vier Tracks sind abgefahrener Elektro-Punk mit harten Gitarren-Riffs, treibenden Elektrobeats und energischem Gesang. Alles geht ordentlich nach vorne. Neben der scheppernden Brachialität beweisen THE WHITE SCREAMED SHOUT aber auch ein ordentliches Gespür für feine Melodien. So haben zum Beispiel auch Oldschool-Gitarrensoli und friedliche Elektronika ihren Platz. Diese Mischung macht das Projekt äußerst interessant. Und auch der Schlusstrack "Where's the Monster?" fasziniert auf seine unerwartet ruhige Art. THE WHITE SCREAMED SHOUT beweisen eindrucksvoll, dass Elektro-Punk nicht nur stumpfes Rumgehacke und Geschrummel (auch das kann durchaus reizvoll sein) sein muss. Für Fans von THE WHITE STRIPES, T.RAUMSCHMIERE, ATARI TEENAGE RIOT und Co. Treffend verpackt mit Verbandmull, Pflaster und Heftklammer… wenn es abgeht.
    imBlutfeuer
  • Ninehertz (UK) Oct 10th, 2012
    The White Screamed Shout is one man, Jack Mostro, and he seems a bit scared. With an excellent concept to this debut EP, it's quite engaging as soon as you see the packaging, wrapped in a 'blood'-stained bandage and affixed with a sticking plaster, it's one of the best packaged releases we've been sent. What's the music like? Well after a garbled news report that sounds like an emergency on-the-scene affair from CNN, the sound reveals itself to be a dubstep-tinged one man band setup. It's a little like the Quake soundtrack that Trent Reznor did back in the day, all insistent drum machine and distorted guitars, but there's actually a lot of electronica elements in here too. The concept behind the whole release is a family waking up to see an alien in their house who screams about people needing to go back to 'real things' and the reaction to this. For the most part, this is an engaging and exciting release, apart from the noodling guitar solos in The Torture which sound out of place alongside the rather accomplished instrumentation on offer elsewhere. Drag Me Down sounds even more like Nine Inch Nails gone radio-friendly, all chugging guitars and distorted vocals, but with some 80s-style drum machine sounds and some slinky, sexy synths. Closing with Where's The Monster? which is the calm after the storm, it simply serves to beggar the question, where next? It's quiet piano and digitised choir sounds could lead on to something else, but the mystery hangs in the air. What next for this brief saga? I'd be interested in another listen.
    Mike
  • Artistandbands (ITA) Oct 10th, 2012
    Dalla scena musicale più all'avanguardia e "sovversiva" si ode un urlo mostruoso. Il mostro in questione è The White Screamed Shout, creato dalle menti a dir poco malate di Jack Mostro (anima punk della Bob Rifo Gang) e Ginotonico (Cafeaudio). Non si tratta di un mostro come tutti gli altri, bensì l'incarnazione di protesta e volontà di ritornare alle cose semplici e veritiere di una volta. The White Screamed Shout concepisce così The Birth EP, un mix di musica elettronica con elementi punk, industrial, fino a toccare l'hardcore, che nelle 6 tracce viene plasmato liberamente facendo scaturire sonorità travolgenti e per niente scontate. The Birth EP si apre con la notizia straordinaria dell'avvistamento del mostro e della promessa di far sentire la sua musica. I brani sono legati tra loro in un continuum musicale: chitarre rammsteiniane e cori infernali presentano la titletrack, variegata inoltre da electro beats e da una voce terrificante e terrificata. "My Prison Will Be Freedom" è caratterizzata da una parte più frenetica ed una più melodica,ma sempre elettronica, dominata da riff di chitarra. Il sound di "Drag Me Down" ipnotizza l'ascoltatore, mentre "The Torture" si dispiega in un ritmo dall'effetto ansiogeno, ma ben strutturato, fino ad arrivare alla melodia inquieta e malinconica di "Where's The Monster". Tutto sommato The Birth EP traduce molto bene il grande lavoro sul sound, ma anche sullo stile, che viene pompato ulteriormente con dal leitmotiv concettuale del mostro e di ciò che vuole simboleggiare: il ritorno ai suoni primordiali che possano insinuarsi e scuotere le nostre coscienze.
    Artistandbands
  • Shiverwebzine (ITA) Oct 9th, 2012
    Vomitare urla come se non ci fosse un domani, nella migliore tradizione hardcore. Macinare riff in extravergine metallo secondo i dettami dell'heavy metal. Martellare ritmi in 4/4 sotto un cielo industrial. E "riportare le persone alle cose vere". Questi i comandamenti che i The White Screamed Shout, ovvero Jack Mostro coadiuvato da Ginotonico, scolpiscono sulla prima tavola dei comandamenti nella loro neonata incarnazione discografica, l'EP di 5 canzoni The Birth. Ministry, The Locust ed Electric Six – non è un refuso, ho proprio scritto Electric Six – fanno comunella tra gli spartiti di questo esordio anarcoide e sguaiato, eppure così tanto tamarro che "The Torture" potrebbe ambire al titolo di hit nei migliori club alternativi. In fondo per un certo periodo la gente ballava al ritmo di "Du Hast" dei Rammstein; il duo italiano trapiantato a Brooklyn, NY, non fa altro che piegare a proprio uso e consumo ciò che con la canzone dei tedeschi era accaduto per caso, calando nell'acido sintetizzatori che molto devono ai Bloody Beetroots e spingendo al massimo l'ibridazione tra suoni pesanti e glitch elettro-core. A volte il risultato ricorda dei Daft Punk che, risvegliatisi da un brutto trip, si siano messi in testa di suonare come i Laibach; in altre occasioni, invece, spuntano dei Godflesh intenzionati a strizzare l'occhio al popolo dei rave. Si sentiva dunque il bisogno dei The White Screamed Shout? Chiaro che no; ma "Du Hast" ci aveva proprio rotto le scatole.
    Francesco Morstabilini
  • OX Fanzine (D) Oct 8th, 2012
    Electro-Punk? Neo-Industrial? Nu Rave-Hardcore? Oder einfach nur: Crossover? Elektro-sound mit Gitarre. Kennt man schon irgendwie in allmöglichen Formen. In dieser Spielart ist eine solche Mischung vielleicht nicht total konventionell, aber auch keineswegs wirklich revolutionär. Man hört, dass die beiden Musiker aus dem Bloody Beetroots-Umfeld stammen. Welche Einflüsse für die schräg-schrecklichen Alternative/Rock-Elemente verantwortlich gemacht werden können, ist schwer zu sagen. Sechs Songs zwischen "Ich raste vor Enthusiasmus aus" und "Ich kotz dir in die Fresse". Also ein schmaler Grad zwischen hot or not. Definitiv kein Mainstream - but shoul we love it?
    Christoph Parkinson
  • RockON (ITA) Oct 8th, 2012
    Il tappeto elettronico su cui si espandono sonorità aspre, non nasconde l'indole punk di questo duo che fagocita hardcore, metal, industrial ed electro. L'attitudine è quella punk, per la precisione è un Punk 3.0, anche se le tastiere ed il ritmo techno fanno pensare a ben altro. Certo questo duo, composto da Jack Mostro e Ginotonico – che hanno in comune l'aver suonato con la Bob Rifo Gang, è abile nel macinare i diversi generi tra l'industirale evocativo ed ipnotico ("The white screamed shout") ed un'elettronica incerta e scheggiata ("The torture").
    Vittorio Lannutti
  • La Scena (ITA) Oct 8th, 2012
    Oramai l'alienazione sanguigna è la loro seconda casa; Jack Mostro e Ginotonico, due elementi elettricizzanti della scena elettro-punkcore decidono di allearsi in duo e cremarsi nel logo The White Screamed Shout, per far tremare un qualcosa anche al di fuori della cortina consueta, e lo fanno con "The Birth - EP", sei turbolenze attive che sconvolgono melodie e stati normali riverberati, una tracklist ossesssa, una "online noise collective" che agita il lettore, l'ascolto e - assolutamente tanto per farne parte - l'ennesimo incedere di una contaminazione industrial che tanto non male non fa. Non c'è nessuna paura che il duo in questione richi l'affollamento di idee, l'intero disco gira su canovacci potenti, frastornati, tra lanciati rapporti HC alla Slipknot, lontani Sigue Sigue Sputnik e momentanee paludi d'inquietudine al pianoforte Where's the Monster? o che addirittura mimano un destabilizzante R'N'B alieno The Torture, quello che rimane un po' accampato in stand by da parte dell'orecchio è l'effettiva dimostrazione sonora che l'Ep possa dare all'infuori dei significati underground fini a se stessi, praticamente il registrato in questione potrà rimanere incollato per un po' nell'immaginazione collettiva o scivolerà via senza la minima sbavatura ancorante? E' presto per dirlo, per ora riesce a smentire la regola "less is more", e con la robotica-metal della titletrack, la ripercussione roboante che mina My Prison Will Be Freedom - che fa risalire alla memoria i worm-up pre-concerto di un giovane e allampato Alice Cooper - il registrato si attesta sulle cose "ripassare meglio", da rileggere fino in fondo, ma che intanto già superbamente nella sua anarchia rumorosa, sbomballante e screamdelicamente free.
    Max Sannella
  • Rockerilla (ITA) Oct 3rd, 2012
    Connubio nato dalla sinergia creatasi tra Jack Mostro, anima punk della Bob Rifo Gang, e Ginotonico, di CafeAudio, TWSS debuttano con un interessante E.P. di sei tracce, che mostra uno stile eclettico, che centrifuga elettronica, industrial, punk e beat grassi, My Prison Will Be Freedom è un brano schizofrenico, che inizia con contrattempi electro-punk urlati, per poi placarsi su di una struggente coda electro-ambientale, che richiama scenari progressive. Drag Me Down suona come i Daft Punk distorti, filtrati attraverso la tempesta nu-rave. Il progetto dimostra di possedere fantasia, idee e una buona dose di talento. NELL'ATTESA DI FUTURI SVILUPPI, THE BIRTH E' UN BUON DEBUTTO.
    Emanuele Salvini
  • NerdsAttack (ITA) Sept 26th, 2012
    Prima dei Bloody Beetroots la gang di Bob Rifo aveva nell'orbita anche Jack Mostro e Ginotonico (Cafeaudio). Dopo varie esperienze i due si fondono per dare la vita ad un alter ego "mostruoso" che risponde al nome di The White Screamed Shout. Cinque brani di selvaggio quanto chirurgico hardcore electrometallizzato semi-filtrato, semi-strumentale, senza compromessi, a testa bassa. Pensate allora as uno sguaiato essere terrorifico che riduce in schegge acuminato il tocco francese dei Daft Punk, l'anima e il sangue punkoide, i labirintici beat di Skrillex, l'opprimente cappa industrial e l'inchino alla band di mister Rifo. Da cronaca nera.
    Emanuele Tamagnini
  • ©Copyright 2014
    I'm Not and
    The White Screamed Shout

    aka Jack Mostro.